Mancata consegna di SDA, consigli utili per svincolare un pacco

Il commercio elettronico è nato negli ultimi anni per venire incontro alle nuove esigenze dei consumatori, sempre più impegnati e con poco tempo libero a disposizione. Fare shopping, infatti, richiede tempo, perché la ricerca del prodotto più soddisfacente per le proprie esigenze non è roba da poco conto.

I negozi e i brand di prodotti più disparati hanno intuito che i consumatori hanno sempre meno tempo per recarsi nel negozio fisico, pertanto hanno implementato nel proprio sito web una sezione dedicata all’e-commerce. Chi decide di gestire le vendite online non può fare a meno di stabilire una partnership con un corriere, ovvero una società che si occupa di spedire i prodotti presso il destinatario.

Tra i corrieri più rinomati per la serietà e la qualità del servizio, c’è senza dubbio SDA, una società che appartiene al gruppo Poste Italiane. Si pensi che i corrieri di questa azienda servono ben 200 Paesi in tutto il mondo e contano sull’efficiente lavoro di circa 4000 collaboratori. Nonostante i meriti riconosciuti a questa società, non mancano gli imprevisti: può infatti accadere che un cliente non riceva il proprio pacco ordinato online oppure ne entra in possesso ma scopre che è danneggiato. La presente guida si propone di dispensare al lettore tutti i consigli utili in caso di problemi con il corriere SDA.

Motivi che danno luogo a una mancata consegna

Prima di procedere con tutti gli interventi necessari per reclamare il proprio pacco non pervenuto, è utile chiarire i motivi che possono dare luogo a delle difficoltà. Come già accennato in precedenza, SDA è una società di corrieri molto apprezzata presso il pubblico dei consumatori e delle aziende che la scelgono come partner, ma purtroppo gli imprevisti fanno parte della vita.

I motivi che possono compromettere l’esperienza di acquisto online del cliente, possono essere disparati. Il corriere che ha preso in carico la spedizione del pacco potrebbe aver ricevuto un indirizzo sbagliato, potrebbe non aver trovato in casa il destinatario oppure potrebbe aver recapitato il pacco presso il luogo sbagliato.

Quando si è certi che il corriere impiega più tempo del previsto per recapitare il pacco, il destinatario o cliente finale non deve entrare nel panico. A sua disposizione, infatti, c’è lo strumento del tracciamento che è disponibile nell’email di conferma di spedizione. Le cose si complicano, invece, quando il tracciamento suggerisce che il pacco è già stato consegnato ma, di fatto, il cliente non ha ancora ricevuto nulla. In questo caso si consiglia di chiedere ai vicini di casa o al portierato se è stato preso in custodia il pacco che si aspettava, perché è molto probabile che il corriere abbia affidato la consegna a una persona vicina al destinatario.

Svincolare un pacco tramite sito ufficiale SDA

Il corriere che non ha modo di consegnare il pacco al destinatario, può procedere secondo due modalità: è possibile che si metta in contatto telefonicamente con il cliente per fissare un secondo appuntamento per la consegna, oppure può decidere di tenerlo fermo in giacenza presso la filiale più vicina. In questo ultimo caso il corriere deposita nella cassetta postale del cliente la lettera di giacenza, contenente tutti gli estremi necessari per richiedere lo svincolo del pacco.

Purtroppo contattare il call center SDA sta diventando sempre più complicato. Quindi se si vuole svincolare il pacco tramite servizio clienti si consiglia di visitare questa guida di numeroservizioclienti.com che aggiorna di volta in volta le modalità attive per parlare con un operatore.

Svincolare il proprio pacco in giacenza tramite il portale SDA non è un operazione difficile, basta solo tenere conto dei tempi entro i quali è possibile fissare un nuovo tentativo di consegna. Il cliente ha tre giorni a disposizione per svincolare il proprio pacco in giacenza senza alcun costo o difficoltà. Pertanto è sufficiente adoperare il sito ufficiale della compagnia SDA per procedere con le fasi di svincolo del pacco.

Il sito dispone di una sezione dedicata alle spedizioni da tracciare, pertanto il cliente può riempire tutti gli spazi necessari a identificare il pacco in giacenza. Una volta individuato il prodotto è possibile cliccare sul pulsante ‘svincola’, a questo punto si ricevere un’email contenente un link per perfezionare l’operazione. All’interno del link è possibile fornire la data e la fascia oraria più idonea per stabilire un nuovo tentativo di consegna. Si ricorda che in caso di fallimento della consegna, il corriere potrebbe inviare il pacco presso il mittente, nonché la filiale SDA di competenza, e a quel punto il colle potrebbe essere rimesso in spedizione oppure svincolato ma in questo caso con addebito per il destinatario.

Reclamo in caso di danneggiamento o manomissione

Come accennato all’inizio della presente guida, lo shopping online è un’esperienza solitamente gratificante per il cliente, che può ordinare comodamente da casa il proprio prodotto e riceverlo direttamente presso il proprio domicilio. Purtroppo, però, possono capitare degli sgradevoli imprevisti. Finora sono state vagliate le possibilità di reclamo a fronte di una mancata consegnata, mentre il presente paragrafo si propone di analizzare il caso il cui il pacco arriva danneggiato o manomesso.

Ritrovarsi un pacco manomesso o un prodotto danneggiato non è di certo un’esperienza piacevole per il cliente. Pertanto il consumatore ha a sua disposizione alcuni efficaci strumenti per far valere i propri diritti, lesi da un trattamento negligente da parte del corriere. Qualora si ricevesse un pacco in condizioni inaccettabili, è possibile inviare una lettera di reclamo alla società SDA attraverso diversi canali. Tra i canali più sicuri c’è senza dubbio la spedizione tramite raccomandata: chi volesse procedere con questa modalità, può fare riferimento al seguente recapito postale: SDA Express Courier – Viale Europa n.175 – 00144 Roma.

Qualora il reclamo effettuato attraverso lettera di reclamo dovesse rivelarsi poco soddisfacente, il cliente può contare sul supporto delle autorità regionali per procedere con la conciliazione, avente per effetto un indennizzo a suo favore.

Share the Post:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe interessarti